Poltrona posturale LIFE – effetti sui fruitori e ricerche scientifiche

GLI EFFETTI

I RISULTATI OTTENIBILI CON L’UTILIZZO DELLA POLTRONA POSTURALE LIFE

DECONTRAZIONE MUSCOLARE

photo

La vita di ogni giorno, gli impegni e lo stress comportano tensioni muscolari, che possono alterare lo stato di benessere; queste tensioni portano il muscolo a rimanere contratto non avendo più l’energia per espandersi.I muscoli in tensione esercitano influenza su altri muscoli, sia per fattori biomeccanici che nervosi con un meccanismo a catena portando intere fasce muscolari in uno stato di contrazione.

LIFE agendo con vibrazioni a bassa frequenza in punti specifici rilassa le fibre muscolari riportandole allo stato di decontrazione naturale.

RIMODELLAMENTO POSTURA SCHELETRICA

photo

Il corpo è costantemente soggetto alla forza di gravità, a tensioni muscolari ed a posture scorrette, queste comportano alterazione posturali che, a loro volta interesseranno tutto l’organismo e che possono, col tempo, generare innumerevoli disfunzioni muscolo-scheletriche e organiche.LIFE è una poltrona posturale la cui forma ergonomica, oltre alle vibrazioni, mette il corpo in totale decontrazione.

RILASSAMENTO PSICO-FISICO

photo
LIFE, grazie ad una occulata modulazione di frequenza nelle vibrazioni abbinata ad una musica con frequenze sonore a 432 Hz agisce a livello del sistema neuromuscolare ottenendo risultati fin dal primo trattamento per contrastare tensioni, stress e contribuire a migliorare lo stato di salute fisico e mentale.

DEFATICAMENTO POST-PRESTAZIONE

photo

Durante l’attività ad intensità medio-alta nei muscoli si accumulano metaboliti e scorie come ammoniaca e acido lattico ed il sangue è concentrato nella maggior parte nei muscoli coinvolti.

LIFE grazie a vibrazioni specifiche, accelera il processo di defaticamento che serve per eliminiare quasi completamente le scorie dal sangue, riporta l’organismo dell’atleta ai ritmi normali di riposo in un tempo inferiore.

LA SCIENZA

LE RICERCHE E GLI ESITI MEDICI DEL SISTEMA LIFE

RILIEVI BAROPODOMETRICI E STABILOMETRICI, PRIMA E DOPO POLTRONA LIFE

Prof. Giuseppe Massara

Test eseguiti nel mese di gennaio 2019 presso lo studio medico del Dr. Marco Morelli – Ferrara.

SCOPO DELLA RICERCA

La ricerca si propone come fine lo studio delle variazioni della superficie d’appoggio, della distribuzione dei carichi e dell’oscillazione baricentrica, prima e dopo una sessione, della durata di circa 20 minuti, sulla poltrona a vibrazione meccanica LIFE.

MATERIALI E METODI

Per la ricerca in oggetto è stata utilizzata la pedana di forza prodotta dalla ditta “Sensor Medica” dotata di un software dedicato all’analisi pressoria dell’appoggio podalico, nonchè all’analisi della stabilità per lo studio della capacità di gestione dell’equilibrio. I soggetti partecipanti alla ricerca erano 17 di età compresa tra i 50 e gli 80 anni, 8 donne e 9 uomini. La procedura prevedeva l’analisi baropodometrica e la stabilometrica a cui seguivano i 20 min. di posizionamento sulla poltrona LIFE in ambiente silenzioso a bassa luminosità, con associata musica favorente il rilassamento e la concentrazione sulle sensazioni indotte dal ciclo di vibrazioni indotte. A questo trattamento seguiva la ripetizione degli esami sopra descritti.

PARAMETRI ANALIZZATI

Sono stati presi in esame i valori della pressione massima esercitata sulla pedana e la loro posizione rispetto al poligono d’appoggio, l’allineamento dei centri di pressione, l’analisi geometrica della relazione retroavampodalica, la distribuzione delle superfici d’appoggio, i tracciati del trasferimento delle forze e relative curve di carico-superficie-pressione, nonchè l’entità delle oscillazioni baricentriche sui piani frontale e sagittale. Il discostamento dai valori di riferimento determina instabilità posturale e deambulatoria, nonchè maggiore faticabilità e sovraccarico distrettuale con percezione di una condizione di disagio. Quanto più l’individuo recupera un migliore appoggio e l’equilibrio posturale , tanto più percepisce una condizione di benessere ed equilibrio.

photoRISULTATI DEL TEST PRIMA E DOPO IL TRATTAMENTO SULLA POLTRONA LIFE

Dallo studio comparato degli esami si è evidenziato quanto segue:la proiezione al suolo dei baricentri corporei, inizialmente situati in posizione decentrata rispetto al poligono complessivo d’appoggio, si sono modificati significativamente avvicinandosi all’allineamento ideale, così come i centri di pressione sul piano antero-posteriore, in particolare il punto di massima pressione tendeva a posizionarsi nella parte retropodalica di sinistra, come da norma, riportando nei valori fisiologici la distribuzione del carico fra arto inferiore destro e sinistro, inoltre s’è potuto notare anche un lieve aumento della superficie di contatto al suolo, probabilmente riconducibile ad una riduzione dello stato di tensione della fascia podalica. Per quanto concerne lo studio comparato dell’esame stabilometrico, tutti i soggetti esaminati hanno migliorato la gestione dell’equilibrio ad occhi aperti, mentre in 3 soggetti è rimasta pressoché invariata l’oscillazione della matassa baricentrica ad occhi chiusi. Quest’ultimo risultato è particolarmente significativo, infatti evidenzia il netto miglioramento nella gestione dell’assetto posturale in relazione al campo gravitazionale, ossia un assetto sicuramente più equilibrato, coordinato ed ergonomico.

photo

CONCLUSIONI

Da quanto emerso dallo studio comparativo dei dati analizzati, il trattamento sulla poltrona LIFE determina una riprogrammazione moto-posturale attraverso la riduzione delle tensioni muscolari e la maggiore consapevolezza propriocettiva dell’intero sistema mio-fasciale, ciò produce un incremento della capacità di gestione dell’apparato locomotore, iniziando dalla riorganizzazione dell’appoggio podalico e degli equilibri (statico e dinamico), congiuntamente alla distribuzione delle masse corporee più coerente con il campo gravitazionale, quindi minore dispersione di energia e maggiore equilibrio globale, determinando un assetto posturale più ergonomico ed una deambulazione più efficiente e coordinata.
Roma 02/02/2019
Prof. Giuseppe Massara