DIREZIONE SANITARIA – DR SIMONETTA ABELLI

Direzione sanitaria delle attività Formula Benessere

Dott.ssa Simonetta Abelli

Medico Chirurgo – Specialista in Fisiatria, Medicina Fisica e Riabilitazione

Riflessoterapia e Tecniche Complementari

Agopuntura e Moxibustione

Mesoterapia antalgica ed estetica

Terapia Infiltrativa

Omotossicologia

Posturologia esame posturale stablimetrico

Riprogrammazione posturale globale

Attività specialistica per il trattamento di: malattie del rachide cervicale;lombalgie e malattie del  rachide lombare; sindromi muscolo scheletriche degli arti;sindromi  da dolore cronico; cefalee;sindromi vertiginose; insonnia;sindromi tunnel carpale;
programma di agopuntura per smettere di fumare

RICEVE SU APPUNAMENTO

STUDIO MEDICO VIA ISTRIA 1/A – ZONA  SACRO CUORE – PADOVA

Prenotazione presso Formula Benessere Tel. 049 777011

Alcune Patologie Trattate

Patologie del collo:

  • post traumatiche
    1. Distorsione del rachide cervicale, detta “colpo di frusta”
    2. Ernia cervicale
    3. Fratture vertebre cervicali
  • paziente cronico
    1. Artrosi cervicale (cervicalgia)
    2. Stenosi del canale cervicale

Patologie della schiena:

  • post traumatiche
    1. Lombalgia acuta post traumatica (a seguito sforzo o prolungata stazione assisa)
    2. Ernie lombari
    3. Spondilolisi-listesi
  • paziente cronico
    1. Lombalgia cronica

Patologie della spalla/braccio:

  • post traumatiche
    1. Frattura clavicola
    2. Frattura prossimale omero
    3. Lussazione clavicola
  • post chirurgico
    1. Frattura prossimale omero
    2. Sindrome dello stretto toracico
  • paziente cronico
    1. Cervicobrachialgie

Patologie del gomito/polso/mano:

  • post traumatiche
    1. Distorsione polso
    2. Distorsione dita
    3. Frattura e lussazione del pollice
    4. Lesione del collaterale ulnale
    5. Frattura e lussazione delle ossa del carpo
    6. Frattura dello scafoide
    7. Lussazioni del gomito
    8. Lesioni traumatiche comuni delle dita
    9. Epicondilite-Epitrocleite

Patologie del bacino/tronco:

  • post traumatiche
    1. Contrattura dell’ileo-psoas
    2. Lesione dell’ileo-psoas
    3. Lesione retto addominale
  • post chirurgico
    1. Protesi d’anca
  • paziente cronico
    1. Pubalgia
    2. Artrosi coxo-femorale

Patologie delle ossa arto inferiore:

  • post traumatiche
    1. Fratture del bacino
    2. Fratture del collo del femore
    3. Fratture della tibia e del perone
    4. Frattura distale del femore

Patologie dei muscoli dell’arto inferiore:

  • post traumatiche
    1. Lesione degli adduttori
    2. Lesione del quadricipite
    3. Lesioni del soleo
    4. Lesioni dei flessori mediali e del bicipite femorale

Patologie del ginocchio:

  • post traumatiche
    1. Distorsione del ginocchio
    2. Frattura della rotula
    3. Frattura del ginocchio
    4. Lesioni cartilaginee
    5. Lesione del Legamento Crociato Anteriore (LCA)
    6. Lesioni legamenti collaterali
    7. Lesioni legamentose associate
    8. Lesioni meniscali
    9. Lussazione rotulea
    10. Rottura del tendine rotuleo e quadricipitale
  • post chirurgico
    1. Artrolisi
    2. Chirurgia delle cartilagini
    3. Chirurgia delle fratture del ginocchio
    4. Chirurgia dei menischi
    5. Chirurgia dei riallineamenti rotulei
    6. Chirurgia perirotulea
    7. Protesi di ginocchio
    8. Osteotomia
    9. Ricostruzione del Legamento Crociato Anteriore (LCA)
    10. Ricostruzione del Legamento Crociato Posteriore (LCP)
    11. Sutura del collaterale mediale
    12. Tenorraffia
  • paziente cronico
    1. Gonalgia post traumatica
    2. Gonartrosi
    3. Instabilità post traumatica
    4. Sindrome dolorose pararotulee
    5. Sindromi rotulee
    6. Tendinopatie rotulee

Patologie della caviglia/piede:

  • post traumatiche
    1. Distorsione semplice di caviglia
    2. Fratture malleolari
    3. Fratture metatarsali
    4. Lesioni condrali
    5. Lesioni legamentose
    6. Rottura del tendine d’Achille
  • post chirurgico
    1. Alluce valgo
    2. Fratture malleolari
    3. Lesioni condrali
    4. Tenorraffia Achillea
  • paziente cronico
    1. Lassita’ cronica
    2. Sindrome del tunnel tarsale
    3. Tendinopatia Achillea
    4. Tendinopatia del tibiale posteriore

ALCUNI PROTOCOLLI DI LAVORO DOPO L’IDONEO TRATTAMENTO FISIOTERAPICO E FISIATRICO – SERVIZIO SVOLTO DA FORMULA BENESSERE:

Rieducazione Funzionale

La Rieducazione Funzionale è quella fase successiva al lavoro fisioterapico che ha come scopo il ritorno alle normali attività quotidiane e/o sportive. Ri-educare significa letteralmente educare nuovamente una funzione, quindi si suppone che si sia perso il corretto uso di un sistema che va rieducato alla normale funzione.

La fase iniziale consiste in una prima Valutazione Funzionale del soggetto infortunato e successiva messa a punto di un protocollo di lavoro personalizzato.

La fase successiva prevede l’inizio dell’attività vera e propria in palestra e/o in piscina, sotto l’attento controllo del Rieducatore. Durante questa fase al paziente vengono ripetute diverse valutazioni al fine di monitorare l’andamento di tutto l’iter riabilitativo.

La terza fase prevede una valutazione finale e il ritorno alle attività quotidiane, mentre per gli sportivi è prevista un’ultima fase, la quarta, la Rieducazione sul Campo, in cui l’atleta riacquisisce il gesto tecnico fondamentale dello sport di appartenenza, sfruttando i principi dell’allenamento sportivo.